Freccia del Brabante: colpiscHermans

La 55^ edizione della Freccia del Brabante, che come già spiegato funge da autentico spartiacque tra le corse sul pavé e quelle sulle cotes ha visto la vittoria del 28enne belga Hermans che con un colpo di mano a meno di una trentina di chilometri dall’arrivo riesce a conquistare la terza vittoria in carriera, sicuramente la più importante. Tante scaramucce in gruppo, nell’ultimo giro dove incomprensibilmente, nonostante ci fossero davanti un uomo della IAM (Tanner poi ripreso) e  un uomo BMC (Hermans) vede compagni di squadra della coppia al comando, provare a più riprese l’inseguimento. Nel finale, però è Gilbert, che dalla televisione sembrava l’unico o comunque uno dei pochi a rendersi conto che davanti c’erano due corridori (ricordiamo che nelle gare non World Tour è vietato l’uso delle radioline), a fungere da stopper per il suo connazionale e compagno di squadra andando a chiudere su tutti gli attacchi, concludendo poi la volata al terzo posto, alle spalle di un Matthews molto contrariato. In evidenza il solito vecchio Davide Rebellin, 5° migliore dei nostri e un davvero ottimo Fabio Felline, settimo all’arrivo, ma sempre nel vivo della corsa, pimpante e attento in ogni fase della gara. Peccato fosse rimasto da solo nel finale senza compagni di squadra, costretto a spendersi da solo per rintuzzare i tentativi degli altri corridori, con una Trek  che, fra incidenti e forma che tarda ad arrivare, sembra davvero faticare in questo inizio di stagione. La gara di oggi, molto scoppiettante e in alcuni casi fuori controllo, è solo l’antipasto di quello che vedremo da qui ai prossimi giorni, dove ci saranno in programma domenica 19 l’Amstel Gold Race, mercoledì 22 la Freccia Vallone per chiudere la stagione primaverile delle classiche Domenica 26 con la ”Doyenne”, la Liegi-Bastogne-Liegi

Con la vittoria di oggi salgono a 36 su 55, le vittorie totali per i corridori di casa.

Appuntamento domenica, dove la carovana farà una piccola deviazione, verso l’Olanda per l’Amstel Gold Race

 

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*