Giro d’Italia 2015: 4^ tappa Chiavari-La Spezia 150km, la preview

Chiavari-La Spezia 150km

Si chiude il poker di tappe in terra ligure, con quella che è sulla carta probabilmente la più insidiosa delle 4: la Chiavari-La Spezia di 150 km, caratterizzata sì da 3 Gran Premi della Montagna (tutti di 3^ categoria), ma che vedrà ancor più rispetto al giorno prima, i corridori costretti a districarsi fra stradine tortuose e un infinità di saliscendi che rispecchiano l’andamento tortuoso del territorio. Dopo i primi chilometri che costeggeranno il mare, ci si sposterà nell’entroterra per affrontare i ”mangia e bevi” liguri che se verranno fatti a tutta, come si confà alle prime tappe di un Grande Giro, dove tutti vogliono vincere una tappa o mettersi in mostra, ci sarà veramente da divertirsi. Finale di tappa invece dove si tornerà ad osservare il mare, nella città levantina adiacente al confine toscano, con l’ultimo GPM situato a 10 km dall’arrivo ideale trampolino di lancio per coraggiosi e probabilmente uomini di classifica. Occhio al pericolo cadute, che in queste zone sono all’ordine del giorno (e si è visto già nella tappa di apertura di Genova) e al gran caldo che sembrerebbe colpire la penisola in questi giorni. Alla vigilia della tappa, cerchio rosso su La Spezia per un paio di importanti corridori italiani: su tutti Cunego, capitano della Nippo-Vini Fantini che ha sede proprio da queste parti, che vorrebbe tornare alla vittoria al Giro dopo ben 11 anni dal poker che gli regalò anche la Maglia Rosa finale e a Diego Ulissi, Giovanni Visconti e Oscar Gatto, speranze dell’italico pedale, in contrapposizione al passaporto di Gilbert, Chavanel e Matthews, tra i maggiori favoriti per questa tappa.

La tappa vedrà al via anche Alessandro Petacchi, il corridore 41enne della Southeast è uno degli sportivi più importanti a cui il capoluogo spezzino ha dato i propri natali.

Il Giro a La Spezia

Giro d'Italia 1989

Giro d’Italia 1989

Come nei casi di Genova e Sestri, anche per quanto riguarda La Spezia, l’ultima vittoria di tappa al Giro è andata ad uno straniero: nel 1989 il compianto Fignon, che vinse su questo traguardo in Maglia Rosa. Sono stati altri cinque, gli arrivi di tappa qui: nel 1929 vinse Dinale, nel 1938 Valetti, nel 1963 Zancanaro, nel 1967 lo spagnolo Gomez e nel 1978 vinse Giuseppe Saronni attuale Team Manager della Lampre Merida.

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*