Moto Gp: Austin giardino di casa Marquez

Ci sono piste dove un corridore ha più feeling che su altre, se poi quel corridore è il formidabile Marc Marquez, autentico prodigio del motociclismo attuale, beh le scommesse su una sua vittoria non sarebbero nemmeno dovute essere quotate. Dopo il numero che entrerà nella storia, fatto nel giro di qualificazione il giorno prima, Marc Marquez torna a riprendersi lo scettro di miglior pilota della classe regina, temporaneamente abbandonato due settimane prima nel Gran Premio del Qatar, dove un suo errore alla prima curva, gli è costato vittoria e podio. Ieri invece, niente e nessuno si è riuscito a mettere fra lui e la vittoria o meglio, ci ha provato un ottimo Dovizioso, in sella ad una sempre più convincete Ducati, ma l’illusione è durata pochi giri. Giusto il tempo per far entrare in temperatura la gomma dura anteriore montata sulla Honda del catalano, con quest’ultimo che, difendendo in staccatta un attacco di Rossi, attacca a sua volta Dovizioso e prende comodamente il largo, andando così a trionfare per la quinta volta in carriera in un gran premio degli Stati Uniti. Per il 21enne pilota della Honda è così il 46esimo successo in carriera in tutte le classi, che gli permette di staccare Stoner (fermo a quota 45) in questa speciale classifica ed entrare prepotentemente nella Top Ten di tutti i tempi, consolidandosi invece al 4° posto tra i piloti in attività, dietro naturalmente a Valentino Rossi (109) e ai suoi due connazionali, Lorenzo (54) e Pedrosa (49), con quest’ultimo ormai a tiro. Per la Spagna invece, è l’88esima vittoria in MotoGp, successo che gli permette di riagguantare l’Italia in questa speciale graduatoria, dominata dalle due nazioni, mentre per la Honda è il 691 successo in totale nella storia del Motomondiale. Detto di un dominio nettissimo sin dai primissimi giri, del giovane spagnolo, alle sue spalle è bagarre per il secondo posto tra Dovizioso e Valentino Rossi, ma sta volta è il ”Dovi” a spuntarla, con un ”Vale” che si accontenta del terzo posto sul podio e della leadership nel motomondiale per un punto proprio davanti al connazionale e mai troppo amato, pilota Ducati. Al quarto posto termina un Jorge Lorenzo, che fatica oltremodo anche in questo inizio di stagione, mentre alle sue spalle Andrea Iannone, partito male e autore di un bellissima rimonta che dopo essere stato anche in lotta per il secondo posto, alza bandiera bianca, vittima di un usura esagerata della ruota anteriore, accontentandosi di un sempre ottimo quinto posto. Da Smith in poi alle loro spalle invece, sembrano fare gara a parte, con un ottimo Petrucci che chiude decimo.

Per la prossima gara invece, non ci sarà da attendere molto, visto che i centauri si sposteranno in Argentina, dove è in programma il Gran Premio già questo week end. Senza un attimo di pausa quindi, si entra nel vivo della stagione 2015 del motomondiale: #tuttoacceso!

Classifica Mondiale Piloti

1 Valentino Rossi 41

2 Andrea Dovizioso 40

3 Marc Marquez 36

4 Andrea Iannone 27

5 Jorge Lorenzo 26

6 Bradley Smith 18

7 Carl Crutchlow 18

8 Aleix Espargaro 13

(l’immagine in evidenza è tratta da https://twitter.com/SkySportMotoGP )

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*